Cronaca Portoferraio

Morto Lorenzo Bozano, condannato all'ergastolo per l'omicidio della tredicenne Milena Sutter

L'uomo, soprannominato 'il biondino della spider rossa', che godeva della semilibertà, ha avuto un malore mentre stava facendo il bagno all'isola d'Elba. Inutili i tentativi dei soccorritori di salvargli la vita

Lorenzo Bozano (nella foto Ansa), condannato all'ergastolo per l'omicidio della tredicenne Milena Sutter avvenuto nel 1971, è morto oggi, mercoledì 30 giugno, all'isola d'Elba. L'uomo, che nel 2019 ha ottenuto la semilibertà, ha accusato un malore mentre si trovava in mare a Bagnaia (Portoferraio). Sono stati alcuni presenti a lanciare l'allarme e ad avvisare il bagnino che, in poco tempo, ha portato Bozano a riva. Immediata la chiamata al numero unico del 112 che ha inviato sul posto i volontari della Pubblica Assistenza di Sacramento con il medico. L'uomo al momento del recupero non era cosciente e il dottore ha effettuato le manovre di rianimazione prima di constatarne il decesso. Sul luogo della tragedia sono intervenuti anche i militari della capitaneria di porto di Portoferraio. 

Bozano, 76 anni, "il biondino della spider rossa", venne arrestato il giorno stesso del ritrovamento del corpo di Milena. In primo grado, nel 1973, venne assolto. La condanna all'ergastolo arrivò al termine del processo d'appello, nel 1975. Divenne definitiva l'anno dopo con la sentenza della cassazione. Ma nel frattempo Bozano era fuggito. Venne arrestato nel 1979 in Francia, dove viveva sotto falso nome. Fu condotto nel carcere di Porto Azzurro e, attualmente, viveva in una casa di accoglienza per detenuti dell'associazione Dialogo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto Lorenzo Bozano, condannato all'ergastolo per l'omicidio della tredicenne Milena Sutter

LivornoToday è in caricamento