Cronaca

Neonato muore a quattro giorni dal parto, era il figlio dell'ex Pielle Venditti: "Si è addormentato tra le nostre braccia"

La tragedia al Santa Chiara. Il bambino sarebbe dovuto nascere a settembre, la situazione è crollata dopo un malore della madre. Oggi i funerali ai Salesiani, donazioni per il reparto di terapia intensiva dell'ospedale pisano

"Un saluto a Pietro Venditti 26.06.2021-29.06.2021". Cominciava così, con queste poche e drammatiche parole, il post apparso nella giornata di ieri, mercoledì 30 giugno, sulla bacheca Facebook dell’ex giocatore della Pielle, Antonello Venditti, che annunciava la tragica scomparsa avvenuta all'ospedale Santa Chiara di Pisa del figlio di neanche quattro giorni, Pietro, nato il 26 giugno. Un lutto indescrivibile che ha colpito la famiglia del giocatore di pallacanestro, ora in forza al Fucecchio. 

Il padre: "Doveva nascere a settembre, poi il cesareo d'urgenza dopo un malore"

Immediato e struggente il cordoglio di tutta la città che, appresa la notizia, si è stretta attorno al padre e alla compagna Vanessa, la madre del piccolo. È lo stesso Antonello, raggiunto telefonicamente dalla redazione di LivornoToday, a raccontare con forza straordinaria questi giorni drammatici. "Pietro doveva nascere a settembre - spiega -, fino a pochi giorni fa era tutto a posto, con visite e analisi in regola. Alle 1 di notte poi siamo dovuti andare in ospedale per un malore improvviso, e da Livorno ci hanno trasferito a Pisa. I medici hanno proceduto con un cesareo d'urgenza, per non compromettere le condizioni del feto, già debilitato, e Pietro è nato alle 10.19 del giorno 26 giugno, ma da una situazione di piena salute al crollo è stato un attimo. Anche la mia compagna - prosegue - non è stata bene, ma dopo qualche ora era fuori pericolo, invece il piccolo è stato ricoverato in terapia intensiva"

Il piccolo si è spento alle 12.20 del 29 giugno: "Si è addormentato pian piano in braccio a noi"

"Fin da subito ci hanno descritto un quadro tragico della situazione, causato da diverse complicazioni. Gli avevano dato 12-14 ore - prosegue - invece Pietro è stato forte, ha combattuto e si è spento dopo quattro giorni, il 29 giugno alle 12.20. Alle 9 ci hanno chiamato per abbracciarlo e siamo stati con lui fino alla fine, si è pian piano addormentato in braccio a noi. Il reparto di terapia intensiva di Pisa è fatto di angeli speciali - ha proseguito Venditti -, ci hanno coccolato e per questo abbiamo deciso di fare una donazione e invitare chiunque volesse a fare lo stesso. Vogliamo dare un segnale positivo, perché Pietro ci ha riempito la vita, non ha vissuto solo quattro giorni ma sei mesi e quattro giorni. Domenica lo abbiamo battezzato e oggi, ai Salesiani, non vogliamo che sia un giorno triste ma una festa per salutarlo". Questi i dati per la donazione tramite bonifico bancarioAndiam Associazione Onlus, Iban IT41Y 05034 14023 000 000 000 502, Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno agenzia n°3 piazza del Duomo Pisa. Come causale: "Un aiuto alla ricerca in memoria di Pietro Venditti".  

Il funerali ai Salesiani alle 16: "Un momento di festa e conforto"

‘La funzione funebre in saluto di Pietro - si legge nel post - si terrà alle 16 alla chiesa dei Salesiani in viale Risorgimento 77. Una funzione - ha aggiunto - che sia l'occasione per conoscere e salutare Pietro... e non un momento di sconforto. Ci farà molto piacere la presenza di quanti riusciranno ad essere presenti”. Al cimitero comunale dei Lupi, invece, dalle 8 alle 12 di oggi, giovedì 1 luglio, sarà allestita la camera ardente. 

"Un abbraccio da tutta la famiglia piellina" è arrivato dalla Pielle, che tramite un post sulla propria pagina ufficiale ha espresso vicinanza e affetto all'ex giocatore (Venditti ha difeso i colori della Pielle dal 2014 al 2018) e alla famiglia.

A lui e alla compagna Vanessa, giungano anche le più sentite condoglianze della redazione di LivornoToday. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neonato muore a quattro giorni dal parto, era il figlio dell'ex Pielle Venditti: "Si è addormentato tra le nostre braccia"

LivornoToday è in caricamento