Cronaca Stagno

Investito davanti alla raffineria Eni, muore a 35 anni dopo un giorno di agonia

Pavlo Matviyenko, operaio della Termisol Termica, è deceduto all'ospedale di Livorno nella mattina di venerdì 23 luglio. Le sue condizioni erano apparse fin da subito gravissime

Le sue condizioni erano apparse fin da subito disperate e si sono ulteriormente aggravate una volta arrivato in pronto soccorso, dove i medici hanno fatto di tutto per salvargli la vita. Purtroppo, però, Pavlo Matviyenko, il 35enne di origine ucraina investito venerdì mattina 22 luglio davanti alla raffineria Eni mentre stava andando a lavoro, è morto oggi 23 luglio all'ospedale di Livorno, dove era ricoverato in rianimazione. Indagata d'ufficio per omicidio stradale, la persona alla guida dell'auto.

Una tragedia che ha lasciato nello sconforto i colleghi della Termisol Termica, dove Matviyenko lavorava come operaio, e che rilancia la questione sicurezza in un tratto di strada troppo pericoloso, come testimoniano i numerosi incidenti. Già ieri Gianluca Persico, segretario provinciale della Filctem-Cgil, aveva denunciato la questione "Un lavoratore della ditta Termisol è stato investito da un'auto davanti all'ingresso della raffineria di Stagno, sulla via Aurelia - diceva Persico -. Purtroppo è solo l'ultimo di una preoccupante serie di incidenti avvenuti in quel punto. La situazione sta diventando insostenibile, sono anni che denunciamo la pericolosità di questo tratto di strada e che chiediamo interventi urgenti per ridurre al massimo la possibilità di incidenti".

"Non è accettabile - diceva ancora Persico - che i lavoratori che si recano al lavoro in raffineria debbano rischiare la vita in questo modo. Non possiamo più attendere: chiediamo a gran voce che si mettano in campo tutti gli strumenti possibili per trovare una soluzione definitiva al problema. Ringraziamo a tal proposito il sindaco di Collesalvetti Adelio Antolini per essersi presentato prontamente davanti alla raffineria per ascoltare le nostre richieste in merito. Al collega e ai familiari la nostra più sentita vicinanza e solidarietà"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investito davanti alla raffineria Eni, muore a 35 anni dopo un giorno di agonia

LivornoToday è in caricamento