rotate-mobile
Cronaca

Lavoratore in nero, chiusa azienda agricola di Piombino: titolare multato di 6mila euro

L'uomo era inserito nello stato di famiglia del fratello che percepiva il reddito di cittadinanza: ora dovrà restituire circa 700 euro allo Stato

I carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro (Nil) nei giorni scorsi hanno chiuso un'azienda agricola di Piombino dopo che, durante un controllo, era stata riscontrata la presenza di un unico lavoratore il quale non era in regola, risultando di fatto in nero. Il titolare della ditta, un campigliese di 46 anni, oltre ad essere denunciato all'autorità giudiziaria, è stata anche sanzionato per circa 6mila euro. 

Inoltre, i carabinieri hanno accertato come quest'ultimo fosse inserito nel nucleo familiare del fratello, un 51enne di Livorno, percettore di reddito di cittadinanza. L'uomo, tuttavia, aveva omesso di dichiarare all'Inps l'inizio dell'attività lavorativa del congiunto, non consentendo all'Istituto di effettuare i previsti adeguamenti. Adesso dovrà restituire circa 700 euro indebitamente percepiti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratore in nero, chiusa azienda agricola di Piombino: titolare multato di 6mila euro

LivornoToday è in caricamento