rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Cronaca Centro / Piazza del Municipio

Rifiuti, lavoratori Aamps ancora in sciopero

A distanza di un mese sono scesi nuovamente in piazza i dipendenti dell'azienda livornese per protestare contro una situazione ritenuta pericolosa e precaria

Sono scesi nuovamente in piazza a distanza di un mese i lavoratori di Aamps che chiedono maggior garanzie da parte dell'azienda. I motivi dello sciopero, a distanza di un mese dall'ultima protesta, riguardano la privatizzazione dei servizi svolti da Aamps stessa che adesso è arrivata ad esternalizzare anche la raccolta dei rifiuti "porta a porta". "Visto l'ostinato atteggiamento dell'azienda che continua a non ascoltare le giuste rivendicazioni di cittadini e lavoratori -  spiega Giovanni Golino, segretario della Funzione Pubblica della Cgil -, non possiamo continuare ad assistere alla inesorabile privatizzazione dei servizi di Aamps, ormai sempre meno pubblici. Dopo la privatizzazione della raccolta ingombranti stradale e su chiamata, della raccolta di sfalci e potature, del call center, dell'ufficio Tia/Tari, della consegna dei mastelli, ormai siamo alla privatizzazione del servizio core, ovvero la raccolta porta a porta affidata ad Avr per il pentagono del Buontalenti. Questo, almeno per noi della Cgil, è inaccettabile". Altro problema che i sindacati hanno giudicato molto grave riguarda la questione sicurezza: "Riteniamo inammissibile che l'azienda non garantisca la necessaria sicurezza né ai lavoratori, né ai cittadini - conclude Golino -. Hanno ragione i livornesi che da troppo tempo lamentano il mancato rispetto del codice della strada".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, lavoratori Aamps ancora in sciopero

LivornoToday è in caricamento