menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dogana d'Acqua: ecco la startup Oimmei e l'istituto TeCIP del Sant'Anna

Si conclude così il percorso di insediamento di realtà innovative e centri di ricerca curato dal comune di Livorno

Con l'ingresso di Oimmei srl e dell'Istituto TeCIP della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa si è concluso il percorso di insediamento delle startup nel complesso della Dogana d'acqua. La prima, vincitrice della selezione pubblica di affidamento, prenderà possesso del locale di 191 mq al piano terra dell'edificio di via del Cedro dove la società realizzerà la sua attività. L'Istituto TeCIP della Scuola Sant'Anna si insedierà invece negli spazi di 633 mq al piano terra dell'edificio in acciaio e vetro di via della Cinta Esterna 44, che riprende la storica Dogana d'Acqua di delimitazione del Porto Franco.
Ad introdurre queste due nuove startup, la vicesindaco Stella Sorgente: "Presentiamo alla città un grande risultato sul fronte sviluppo economico e lavoro. Oggi Livorno ha un polo tecnologico diffuso sul territorio che raccoglie centri di ricerca di eccellenza e giovani imprenditori, e tutto questo senza creare costose sovrastrutture gestionali. Un progetto che si inserisce nel percorso ben tratteggiato dal Piano strutturale che vede proprio nella riqualificazione della Venezia un'area porta della città, con i centri di ricerca e le start up innovative in questo complesso di Dogana d'Acqua, il Polo urbano dell'innovazione dell'area ex Macelli e tutta la partita del Rivellino ormai vinta da giocare in sinergia”. 

“E' un momento di grande soddisfazione - ha aggiunto Francesca Martini, assessora allo sviluppo economico -. Questo progetto centra l'obiettivo e proseguirà a breve con l'ultima firma regionale dell'accordo di programma per il potenziamento del Polo tecnologico. Avevamo 5 milioni di euro a disposizione, abbiamo scelto di investirli come segnalato dal percorso partecipativo sul tema: 3 milioni per creare il Polo Urbano dell'Innovazione nell'area degli ex Macelli, con fab lab e spazio incubatore di idee e progetti, e 2 milioni destinati all'unica iniziativa di sostegno alle imprese che ha funzionato nell'accordo di programma nazionale: i protocolli di insediamento e i voucher innovazioni". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bonus cultura: come attivarlo per fare acquisti su Amazon

social

Riciclare le uova di Pasqua: tre ricette facili e veloci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento