Terme del Corallo, a maggio via ai lavori di ristrutturazione

Il Comune ha stanziato 180mila mentre altri 2,2 milioni sono in arrivo dal bando delle periferie. Il 13 e 14 aprile la struttura verrà ripulita, il 12 maggio visite guidate

Sono state l'orgoglio e il fasto della città nei primi anni del Novecento quando, da ogni parte d'Europa, nobili e capi di Stato arrivavano a Livorno anche per le famose e salutari Acque della Salute. Oggi, che dormono abbandonate accanto al cavalcavia della stazione, si guadagnano giusto un'occhiata stanca e malinconica, carica di rimpianto e di ricordi sbiaditi dei racconti dei nonni. Sono le Terme del Corallo, gioiello liberty in totale stato di abbandono, da almeno 20 anni croce e delizia delle amministrazioni comunali. E se buttare giù quel cavalcavia che le sfregia pare al momento impossibile, per quanto forse sarebbe l'unica cosa sensata da fare, sembra però più vicina del solito una almeno parziale riapertura al pubblico della meravigliosa struttura. Sono stati stanziati, infatti, 180mila euro dall'amministrazione comunale per la ristrutturazione del tetto della Palazzina dei Medici che partirà già a maggio e, oltre a mettere in sicurezza la copertura, offrirà una protezione anche ai vani sottostanti. Inoltre, con tempistiche non ancora prevedibili, dovrebbero partire i lavori ben più consistenti della messa in sicurezza della Sala della Mescita e dei colonnati e la riqualificazione del giardino, lavori che fanno parte del primo lotto di opere da realizzare col finanziamento del Bando delle Periferie che ammonta a circa 2,2 milioni di euro.

terme del corallo (4)-2"Il progetto esecutivo è, al momento, al vaglio della presidenza del Consiglio dei Ministri - dichiara l'assessore Alessandro Aurigi -, appena daranno il consenso faremo partire i lavori che dureranno all'incirca un anno". Il primo passo verso la riapertura, che si spera totale, del complesso termale è stato comunque fatto grazie al patto di collaborazione siglato da Reset e Terme del Corallo Onlus, associazioni che si sono assunte l'onore e l'onere di portare avanti un progetto che porti al recupero e al riutilizzo della struttura.  "Gli obiettivi del patto di collaborazione erano chiari: manutenzione del verde, vigilanza, valorizzazione e recupero completo delle terme - afferma il presidente di Reset Giuseppe Pera -, e non avremmo accettato un accordo che non mettesse nero su bianco tutti questi punti. Non ci basta pulire e tagliare l'erba se poi rimangono azioni fini e a se stesse".

Gli eventi in programma

Il primo passo verso il recupero delle Terme verrà fatto già sabato 13 e domenica 14 aprile con un evento di grande pulizia aperto a tutta la cittadinanza, dalle 9 alle 19, a cui prenderanno parte anche cinque detenuti del carcere delle Sughere. "È un'iniziativa di grande valore sociale perché, a soli 10 giorni dalla firma del protocollo Mi riscatto per Livorno firmato dal sindaco, dal direttore del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, della coordinatrice dell'ufficio di sorveglianza di Livorno, dalla responsabile per le Sughere e dal direttore del sistema penitenziario livornese, permette un reale reinserimento in società dei detenuti", le parole del garante dei detenuti Giovanni De Peppo.

"Invitiamo tutti a partecipare e investire anche solo un paio d'ore in questa attività - continua Pera - portate accessori da giardinaggio e aiutateci a restituire alle terme l'antico splendore". Sarà obbligatorio sottoscrivere un'assicurazione del costo di 10 euro che verrà, eccezionalmente, offerta in maniera gratuita a studenti, disoccupati e richiedenti asilo. Dopo la due giorni di pulizie il primo appuntamento è fissato per domenica 12 maggio, giornata che sarà interamente dedicata alle visite guidate con l'associazione Guide Labroniche e il cui ricavato sarà in parte devoluto, come avverrà per ogni evento realizzato alle Terme, alla raccolta fondi che andrà a incrementare quelli già stanziati. "Per tutta l'estate porteremo avanti progetti di valorizzazione e promozione culturale - conclude Silvia Menicagli di Terme del Corallo onlus - dalla presentazione di libri a incontri e laboratori". Il patto di collaborazione avrà durata annuale, rinnovabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rosignano sotto osservazione famiglia di Casalpusterlengo. Il sindaco: "Situazione tranquilla"

  • Isola d'Elba, perde il controllo dell'auto e si ribalta: feriti madre e figlio

  • Madre e figlia investite da auto pirata, il conducente si costituisce ai carabinieri

  • Minacciata con un coltello nel parcheggio del Parco Levante

  • Coronavirus, all'isola d'Elba due famiglie cinesi in quarantena volontaria: "Situazione sotto controllo"

  • Tragedia all'Isola d'Elba, 84enne muore dopo una caduta dal terrazzo della sua abitazione

Torna su
LivornoToday è in caricamento