Coronavirus, #IoScrivoAcasa... in quarantena: l'iniziativa benefica di Paesi Edizioni per "scrittori reclusi"

Il contest, lanciato dall'editore livornese Luciano Tirinnanzi, è finalizzato alla realizzazione di un libro. Parte del ricavato andrà in beneficenza agli enti di ricerca che studiano il vaccino anti Covid-19

Foto Canva - Paesi Edizioni

"Storie di resistenza al virus". Così s'intitola il nuovo progetto editoriale promosso dalla casa editrice Paesi Edizioni fondata dal 40enne livornese Luciano Tirinnanzi. Pensato nel contesto di #IoRestoAcasa, l'hashtag promosso dalla presidenza del consiglio dei Ministri per riassumere i concetti basi del decreto di contrastare all'emergenza Coronavirus, il contest culturale vuole far fronte alla costrizione casalinga di milioni di italiani. Non solo, #IoScrivoAcasa è anche finalizzato a finanziare la ricerca italiana per il vaccino contro il Covid-19.

"Storie di resistenza al virus", dai racconti al libro per la ricerca

Il progetto, del tutto gratuito, si propone di raccogliere entro il 30 aprile 2020 una serie cospicua di autori che, con i loro racconti brevi, concorreranno a realizzare uno o più libri dedicati al tema. Parte del ricavato verrà devoluto in beneficenza agli enti di ricerca italiani che studiano un vaccino contro il Covid-19: al Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e ad altri enti impegnati nel settore della biotecnologia molecolare, della scienza biomedicale e della chimica organica.

1-5-4#IoScrivoAcasa, come partecipare al progetto

Per partecipare basterà inviare il proprio racconto breve all'indirizzo ioscrivoacasa@gmail.com. Si può partecipare all'iniziativa anche con uno pseudonimo (ma dovranno essere rese note all'editore le generalità dell'autore, pena l'esclusione in caso di selezione). Ogni racconto dovrà liberamente ispirarsi al presente contesto nazionale e internazionale, e/o a possibili scenari futuri. I racconti potranno descrivere storie vere o verosimili o di fantasia, comunque di fiction, buffe o tragiche, attuali o di futuri distopici, partendo però sempre da questo elemento in comune.

Il testo dovrà essere compreso tra un minimo di 20mila e un massimo di 35mila battute (spazi compresi). I migliori elaborati saranno pubblicati e premiati alla Fiera del Libro di Roma - Più Libri Più Liberi, previa accettazione dell'organizzazione, e comunque entro l'anno 2020. Sarà stabilita una graduatoria entro l'estate e, nell'occasione della presentazione del libro, verranno premiati i cinque migliori racconti. I premi saranno resi noti e annunciati dopo la scadenza del 30 aprile.

Tirinnanzi (Paesi Edizioni): "Diamo una mano al Paese, ciascuno come può"

"La ritengo una doverosa e importante iniziativa -  spiega l'editore della Paesi Edizioni, Luciano Tirinnanzi - perché tutti insieme possiamo e dobbiamo dare una mano al nostro Paese in questo momento difficile, ciascuno come può. Dunque, oltre agli arcobaleni e ai flash mob, perché non riversare nei libri le nostre emozioni e far sì che esse rimangano nel tempo come testimonianza scritta dell'epoca che stiamo vivendo? Insieme batteremo il virus e un giorno non lontano celebreremo questa vittoria con un evento culturale, dove torneremo ad abbracciarci". Insomma, mentre siete costretti a casa, se avete un'idea scrivetela subito e inviatela a Paesi Edizioni.

Per ulteriori informazioni www.paesiedizioni.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saturimetro, come funziona e quali sono i migliori modelli

  • Caos Livorno, società latitante: dei soldi nessuna traccia e i giocatori se ne vanno

  • Coronavirus: 169 positivi tra Livorno e provincia, 2.508 in Toscana, ma crolla la percentuale rispetto ai tamponi. Il bollettino di mercoledì 18 novembre

  • Livorno, il presidente Heller: "Pagamenti in regola grazie a Carrano ed Aimo. Navarra, Ferretti e Spinelli? Non pervenuti"

  • Serie C, Grosseto-Livorno 1-0: Sicurella beffa gli amaranto nel recupero

  • Coronavirus: 174 positivi e 5 morti tra Livorno e provincia, 1.892 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di sabato 21 novembre

Torna su
LivornoToday è in caricamento