Fatture false per 160mila euro: denunciati madre e figlio

Operazione della guardia di finanza in un'azienda di Piombino attiva nel campo delle carpenterie metalliche

Hanno emesso fatture false, tramite la loro società di carpenterie metalliche di Piombino, per 160mila euro. Per questo, madre e figlio, rispettivamente di 70 e 50 anni, sono stati denunciati dalla guardia di finanza. Le fiamme gialle hanno scoperto il raggiro quando, facendo accesso nei locali aziendali, hanno rilevato delle annotazioni anomale sui registri contabili. Analizzate le scritture, gli investigatori della Finanza hanno ricostruito l’intero giro d’affari relativo agli acquisti dell’impresa, constatando un'Iva evasa di 57mila euro. Altri 156mila euro di spese, oltre a quelle documentate con false fatture, sono stati poi indebitamente dedotti ai fini della dichiarazione poiché non inerenti con l’oggetto sociale. Il totale dei redditi recuperati alla tassazione Ires è stata quindi di oltre 316mila euro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Interporto Guasticce, gravissimo operaio 23enne schiacciato da una cassa pesante quattro quintali

  • Venturina, cade dalle scale di casa e precipita per oltre tre metri: grave 45enne

  • Palazzo Grande, nei fondi dell'ex bar Dolly arriva il Surfer Joe: apertura ad aprile

  • Fa inversione a U sul viale Italia e con l'auto centra uno scooter: feriti due trentenni

  • Investite mentre attraversano sulle strisce in via Torino: ferite due ragazze

  • Non vuole pagare l'affitto e aggredisce la proprietaria dell'appartamento: interviene la polizia

Torna su
LivornoToday è in caricamento