menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pesca e navigazione alla Meloria, procedura online per le autorizzazioni 2021

La scadenza è fissata per venerdì 15 gennaio. L'Ente Parco spera di ridurre i tempi di istruttoria attraverso la modulistica digitale. Ancora disponibile la procedura tradizionale

Sono stati pubblicati online i moduli per richiedere le autorizzazioni necessarie a svolgere attività nell'area marina protetta delle Secche della Meloria per il 2021. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata a venerdì 15 gennaio. L'Ente Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli, gestore dell'area, comunica che è disponibile la procedura digitale. I moduli scaricabili possono essere compilati direttamente sul file e inviati agli indirizzi e-mail o pec dell'Ente Parco, senza bisogno di stampare il documento cartaceo. L'Ente, con la procedura online conta di abbreviare i tempi per l'istruttoria delle richieste, arrivate già alla metà del numero massimo previsto per legge. L'Ente parco comunica inoltre che chi non avesse la possibilità di usare la procedura digitale, potrà comunque richiedere le autorizzazioni in maniera tradizionale.

Ente Parco, autorizzazioni per la pesca e la navigazione: il 90% delle domande da Livorno e Pisa 

Nel 2020 le autorizzazioni rilasciate dall'Ente Parco per pesca sportiva e professionale, immersioni, ricerca scientifica, navigazione, sono state 1899. Le domande respinte o archiviate per mancanza di documentazione o di requisiti ambientali dei motori sono state 167. Oltre il 90% delle domande viene dai residenti nell'area del Parco, soprattutto Livorno e Pisa.

L'Area Marina Protetta delle Secche delle Meloria, è il cuore del Santuario dei Cetacei coi suoi 9mila ettari di mare che sono stati suddivisi in zone a diverso grado di protezione e conseguente accessibilità: lo schema riassuntivo della divisione dell'area può essere consultato cliccando qui.

L'Ente Parco dal 2009 ha ricevuto dal Ministero dell'Ambiente la gestione di questa importante area marina. L'Ente ha ricevuto quindi il compito di regolamentarne l'accesso alla zona, preservare la flora marina, delle specie ittiche come i delfini e della qualità delle acque, già messa a dura prova dai rifiuti che arrivano dai fiumi. Per sensibilizzare la popolazione sull'importanza della tutela ambientale del mare l'Ente Parco ha aumentato le iniziative di promozione, promuovendo concorsi per le scuole e istituendo giornate per la pulizia dei fondali. L'Ente ha trasferito alcune risorse finanziarie al Comune di Livorno per contribuire alla creazione di un centro visite allo Scoglio della Regina che proporrà tour guidati ed escursioni ambientali anche a chi non possiede un'imbarcazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento