Settimana bianca, le regole anti-Covid per sciare in sicurezza. Le Regioni: "Pronti a riaprire gli impianti in zone arancioni o gialle"

Finché la Toscana resterà nella fascia rossa, ogni attività è sospesa. In caso di alleggerimento delle misure restrittive, ecco i comportamenti da tenere nella varie località

foto SondrioToday.it

Si potrà andare a sciare ora che la neve ha cominciato a cadere? Quali saranno i comportamenti da tenere nelle varie località sciistiche e negli impianti di risalita? Domande alle quali ha provato a fare chiarezza la Conferenza delle Regioni e delle province autonome che ha redatto un regolamento il quale dovrà essere sottoposto e approvato dal Governo e al Comitato tecnico scientifico. Un dato è certo: fino a quando la Toscana sarà in zona rossa, anche se la prima neve ha già fatto la comparsa soprattutto all'Abetone, spostarsi per andare a sciare sarà impossibile: ogni attività amatoriale è infatti sospesa.

"Faremo di tutto, una volta ricollocati in zona arancione o gialla - commenta l'assessore al turismo della Toscana, Leonardo Marras - per far ripartire in totale sicurezza  gli impianti del comprensorio dell'Abetone e della Val di Luce sull'Appennino tosco-emiliano, quelli del comprensorio amiatino e quelli in Lunigiana. Quanto al prossimo Dpcm atteso per il 4 dicembre, qualora il Governo intenda adottare nuove misure più restrittive auspichiamo, come Regioni e tutte assieme, che queste siano oggetto prima di un confronto". 

Settimana bianca, le regole per sciare in sicurezza

Le regole per la settimana bianca anti-Covid licenziate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome prevedono mascherina chirurgica obbligatoria per tutti gli sciatori – meglio se indossata sotto lo scaldacollo -, presenze in funivie e cabinovie ridotte alla metà della capienza massima possibile (che potrà rimanere tale solo sulle seggiovie), tetto di skipass giornalieri per tenere sotto controllo le presenze ed acquisto on line dei biglietti. Attenzione è stata posta anche allo svago vicino e lontano dalle piste: così, una volta tolti gli scarponi da sci, aperitivi ed happy hour nei locali saranno possibili solo con posti a sedere e nel rispetto delle misure di sicurezza che riguardano bar e ristoranti.

Mentre ci si avvicina agli impianti di risalita si dovrà inoltre sempre rispettare la distanza di un metro tra le persone: anche tra conviventi e congiunti dello stesso nucleo familiare, salvo i bambini al di sotto di un metro e 25 centimetri o i non vedenti che hanno bisogno chiaramente di essere accompagnati. Solo nel caso di temporali od altri eventi atmosferici eccezionali, sarà consentito l’uso degli impianti a pieno carico per la discesa a valle, per scongiurare assembramenti nelle stazioni a monte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio ghiaccio e temperature sotto zero: a Livorno è allerta meteo per martedì 12 gennaio

  • Coronavirus, l'annuncio di Giani: "La Toscana resta in zona gialla". Novità sugli spostamenti tra regioni, musei e asporto

  • Calciomercato Livorno: acquisti, cessioni e trattative. Gli aggiornamenti della sessione invernale

  • Coronavirus: 79 positivi tra Livorno e provincia, 379 in Toscana. Il bollettino di lunedì 11 gennaio

  • Allerta meteo a Livorno, codice giallo per rischio neve e ghiaccio nella notte tra sabato e domenica 17 gennaio

  • Livorno in crisi, Dal Canto si sfoga: "L'unico obiettivo è evitare l'ultimo posto. Mercato? Non viene niente"

Torna su
LivornoToday è in caricamento