Stalli blu e occupazione suolo pubblico, Salvetti: "Sosterremo le imprese per quanto possibile"

Al via un'indagine per capire il numero di esercenti interessati all'ampliamento nei posti a pagamento. L'amministrazione: "Servirà per modulare l'impegno economico da prevedere all'interno del bilancio comunale che deve però rimanere in equilibrio"

Che una soluzione sarebbe stata trovata, lo aveva garantito anche l'assessore al Commercio, Rocco Garufo. E adesso, a dare nuove indicazioni su come potrebbe essere garantito l'ampliamento del suolo pubblico anche in presenza degli stalli blu, è direttamente il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, che annuncia un'indagine conoscitiva dell'amministrazione comunale per stimare il numero di locali interessati all'espansione e modulare l'impegno economico all'interno del bilancio comunale il quale, tuttavia, dovrà necessariamente rimanere in equilibrio.

Suolo pubblico, ampliamento gratis ma non sugli stalli blu. Garufo: "Al lavoro per non fare disparità"

Una questione di non poco conto, sollevata da quei bar, ristoranti, pub che, anziché poter occupare gratuitamente il suolo pubblico, si trovano in presenza di posti auto a pagamento gestiti da Tirrenica Mobilità, per i quali si erano visti recapitare preventivi anche superiori a 1500 euro per due posti in concessione per 90 giorni. Un problema affrontato dal sindaco Luca Salvetti, insieme agli assessori Rocco Garufo, Viola Ferroni e Giovanna Cepparello e ai tecnici competenti, con la precisa volontà di sostenere le imprese che hanno sede nelle zone interessate dal sistema della sosta a pagamento.

Stalli blu e suolo pubblico, l'impegno del Comune per trovare una soluzione

Per queste ragioni, in mattinata si è svolto un incontro con le associazioni di categoria e i rappresentanti dei CCN, riuniti nella sala consiliare di Palazzo civico. "Da oggi abbiamo aperto un'indagine conoscitiva, fondamentale per comprendere quali e quanti locali hanno l'esigenza di occupare stalli blu davanti al loro locale, per trovare la soluzione più idonea - dicono dall'amministrazione -. Per questo viene chiesto agli esercenti interessati di inviare entro martedì 26 maggio una semplice mail alla Polizia amministrativa (polamm@comune.livorno.it), inserendo nell'oggetto la dicitura 'occupazione stalli blu' e indicando nel testo il nome e l'indirizzo del locale. Questa indagine servirà ad avere il numero degli interessati, per modulare l'impegno economico da prevedere all'interno del bilancio comunale che deve necessariamente mantenere l'equilibrio".

Salvetti: "Daremo alle imprese il massimo aiuto che l'amministrazione può fornire"

Attenzione però: l'invio della mail da solo non significa che vi sia un'autorizzazione all'occupazione del suolo. Si tratta appunto di una prima fase che consiste in una indagine conoscitiva. "In questi 70 giorni - spiega il sindaco Salvetti - abbiamo lavorato per mantenere aperte durante il lockdown tutte quelle realtà che potevano farlo, come il Mercato Centrale e il Mercato delle Erbe, abbiamo chiesto a Regione e Governo l'apertura anticipata di praticamente tutte le realtà commerciali nella Fase 2. Siamo riusciti, in questa fase di ripartenza, a modulare diverse ordinanze sulle necessità delle aziende, come nel caso dei mercati ambulanti e degli orari di apertura e chiusura".

"Dopo aver, con grande velocità approntato norme e possibilità per il suolo pubblico gratuito, ci troviamo a dover risolvere la questione delle richieste che ricadono sugli stalli blu e prontamente puntiamo a risolvere il tutto nel miglior modo possibile e con il massimo aiuto che l'amministrazione può fornire. Sono felice – conclude il sindaco – che il mondo del commercio capisca l'impegno che mettiamo nell'aiutare tutti coloro che sono in difficoltà e ci affianchi nella gestione di questo momento difficile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saturimetro, come funziona e quali sono i migliori modelli

  • Caos Livorno, società latitante: dei soldi nessuna traccia e i giocatori se ne vanno

  • Coronavirus: 169 positivi tra Livorno e provincia, 2.508 in Toscana, ma crolla la percentuale rispetto ai tamponi. Il bollettino di mercoledì 18 novembre

  • Livorno, il presidente Heller: "Pagamenti in regola grazie a Carrano ed Aimo. Navarra, Ferretti e Spinelli? Non pervenuti"

  • Serie C, Grosseto-Livorno 1-0: Sicurella beffa gli amaranto nel recupero

  • Coronavirus: 174 positivi e 5 morti tra Livorno e provincia, 1.892 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di sabato 21 novembre

Torna su
LivornoToday è in caricamento