Coronavirus, traffico di gente in via Cairoli ripreso da un autista "sceriffo". Video

Nel filmato, presumibilmente girato dal conducente di un autobus, si vedono molte persone in centro intorno alle 10 del mattino. Ma ci sono anche i carabinieri a presidiare la zona

Hanno fatto velocemente il giro del web, scatenando la reazione dei social che si sono divisi tra garantisti e colpevolisti. Stiamo parlando delle immagini, presumibilmente registrate col telefonino dal conducente di un autobus in movimento, che ritraggono molte persone le quali intorno alle 10 di giovedì 2 aprile affollavano via Cairoli, secondo alcuni rispettosi delle misure di sicurezza per limitare la diffusione del Coronavirus, per altri invece impropriamente in giro a passeggiare. Certo, per quanto nel video non si vedano mamme o papà con figli piccoli, la circolare del Viminale - che inizialmente sembrava aver autorizzato le passeggiate per i figli minorenni accompagnati da un solo genitore - non ha aiutato a rinsaldare un concetto fondamentale in questo periodo di emergenza sanitaria: restare a casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Concetto che ha voluto ribadire ancora una volta anche il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, sottolineando comunque anche il buon comportamento tenuto in queste settimane dai nostri concittadini. Il messaggio, con il passare del tempo, è infatti arrivato alla popolazione, per quanto ci sia ancora qualcuno che tenta di lasciare la propria abitazione adducendo poi le scuse più assurde. Pochi per la verità, visto che i principali luoghi di aggregazione come la Terrazza Mascagni o il lungomare risultano praticamente deserti

Coronavirus Livorno, Salvetti: "Uscite con figli? Servono cautela e buon senso, siamo ancora in emergenza"

Ed anche così si potrebbero spiegare le immagini del video che alcuni utenti ci hanno inviato tramite Facebook. Nel filmato, quasi certamente girato da un conducente di autobus travestito da "sceriffo", si vedono appunto molte persone in via Cairoli: alcune sono in attesa di entrare in farmacia o in banca, tutte indossano la mascherina, ma altre sembrano passeggiare tranquillamente lungo le vie del centro o stanno andando in bicicletta. La zona, va detto, è comunque presidiata dai carabinieri che cercano di fare il possibile per far rispettare le regole. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Immagini che, dicevamo, sono diventate virali in pochissimo tempo: "Dovete restare a casa" o "Allora lo fate apposta di non capire" i commenti postati sotto il video da parte degli accusatori. Ai quali, tuttavia, non sono mancate le repliche: "Chi può dire che quelle persone non fossero lì in quanto residenti in via Cairoli? Chi può dire che non fossero scese per sbrigare una commissione o andare a fare la spesa al mercato di piazza Cavallotti?". Su una cosa però le due fazioni si sono trovate d'accordo: di "sceriffi" travestiti da conducenti di autobus è meglio non averne e garantire la sicurezza di passeggeri e pedoni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2 Toscana: le linee guida stabilimenti balneari, campeggi, parchi di divertimento e ristoranti. L'ordinanza della Regione

  • Stabilimenti balneari, le tariffe 2020: quanto costa l'estate "sui bagni" tra abbonamenti, ombrelloni, lettini e cabine

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

  • Bagni Pancaldi, la protesta dei clienti: "Ricattati di perdere il posto in caso di mancato rinnovo"

  • Pronto Soccorso, accessi per storte e "troppo sole". Medici stremati: "Non siamo più i vostri eroi?"

  • Bagni Fiume, apertura il 20 giugno con ingressi giornalieri: "I vecchi abbonati possono riconfermare cabina e ombrellone per il 2021"

Torna su
LivornoToday è in caricamento