rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Cronaca Limoncino

Limoncino, attivisti 'No discarica' fermano camion di rifiuti: spinte e tensione in strada, è ancora caos

La denuncia del comitato: "Atteggiamento provocatorio, aggrediti due attivisti e rigata una nostra macchina. Ma non ci fermeremo"

Un'intera giornata di tensioni, scambi di accuse, denunce di aggressioni personali e danneggiamenti di auto. Fino al tardo pomeriggio, quando il sopraggiungere del buio ha fatto desistere il camion carico di rifiuti che, fermato dagli attivisti del comitato "No discarica al Limoncino", è tornato indietro dopo essere rimasto tutto il pomeriggio nel mezzo della carreggiata della strada provinciale. È questo il resoconto che arriva dal presidio permanente in via del Limoncino, all'ingresso della strada privata che porta al sito di Monte alla Poggia, dove gli attivisti sono tornati da alcuni giorni per impedire la ripresa del conferimento rifiuti nella discarica di proprietà della famiglia Bellabarba, gestita dalla società Livrea, la quale ritiene invece di avere tutte le autorizzazioni del caso per potere operare nella legalità.

Lo hanno ribadito anche ieri, martedì 15 marzo, quando i membri del comitato si sono messi davanti a un mezzo pesante carico di rifiuti per ostruirne il passaggio. "La risposta dei Bellabarba - denunciano in un video gli attivisti - è stata quella di arrivare con una decina di persone rimaste in zona con atteggiamenti provocatori, fino a chiudere con due auto la strada privata impedendo il passaggio ai residenti. Il tutto dopo aver spintonato due di noi, tra l'altro anziani, che si erano messi nel mezzo per non far passare il camion. Non solo: un'auto di un membro del comitato è stata pure rigata, cosa che verrà denunciata alle forze dell'ordine".

È morta Rosaria Scaffidi, la professoressa simbolo della lotta contro la discarica al Limoncino

Forze dell'ordine che, tuttavia, sarebbero intervenute soltanto per identificare i presenti: "Siamo di fronte a una situazione assurda - dicono ancora dal comitato - in cui chi dovrebbe far rispettare la legge non lo fa, asserendo che si tratti di una questione tra privati. Sono venute solo per identificarci, mentre una pattuglia della municipale si è messa a regolare il traffico visto che il camion è stato lasciato in mezzo di strada creando disagi e pericoli per gli automobilisti. Le istituzioni sono totalmente assenti e questo è gravissimo, ma noi non molleremo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Limoncino, attivisti 'No discarica' fermano camion di rifiuti: spinte e tensione in strada, è ancora caos

LivornoToday è in caricamento