Cronaca

Piscine, reintegrato il personale ex Officina dello Sport. Cgil e Usb: "Ora la battaglia per il tempo indeterminato"

Il sindacato: "La partita non è chiusa, auspichiamo che i lavori alla Bastia terminino nel più breve tempo possibile per garantire ai cittadini tutti i servizi"

"È stato fatto un passo importante, ma la battaglia per avere un contratto a tempo indeterminato non è ancora finita". Così Sic-Cgil e Usb Livorno, tramite i rappresentanti Graziano Benedetti e Omar Franconi, in merito al riassorbimento dei lavoratori ex Officina dello Sport da parte di Virtus Buonconvento, società che dopo la gestione delle piscine Camalich-Neri nelle scorse settimane ha ottenuto anche quella dell'impianto della Bastia, tuttora chiuso - almeno per quanto riguarda la vasca - per lavori urgenti. 

Dopo il reintegro di alcuni lavoratori ex Officina dello Sport alle piscine Camalich-Neri, infatti, anche altri operatori che inizialmente erano rimasti fuori da questo primo passo sono tornati sotto contratto grazie alla nuova gestione dell'impianto nei quartieri nord della città. "Il sindacato e i lavoratori - spiegano Cgil e Usb in riferimento ai contratti a tempo determinato che sono stati sottoscritti - hanno fatto tanti sforzi e messo in campo tante iniziative per raggiungere questo obiettivo transitorio. Abbiamo accettato di far lavorare i lavoratori chiedendo loro un sacrificio nel sottoscrivere contratti con meno ore di lavoro e livelli diversi rispetto al passato".

Bastia, la Virtus Buonconvento si aggiudica la gestione. Ma per la riapertura della piscina bisognerà attendere

L'appello: "Il contratto nazionale va utilizzato in maniera più massiccia"

"Non ci siamo mai fermati - hanno precisato - nel rivendicare i diritti per tutti gli ex lavoratori di Officina dello Sport, così come abbiamo rivendicato l'utilizzo del contratto nazionale presso gli impianti sportivi, che per noi deve essere utilizzato in maniera più massiccia in tutti i settori dello sport. Abbiamo registrato da parte dell'amministrazione comunale un impegno importante: ha garantito le risorse e l'impegno per riaprire le piscine anche in questo grave periodo di pandemia"

Secondo il sindacato, la partita "non è chiusa" in quanto lo sforzo adesso "è concentrato sul bando generale riguardante le piscine comunali, annunciato dal sindaco, dove cercheremo di recuperare la situazione riguardante i livelli e di attivare tutti i contratti a tempo indeterminato per tutti i lavoratori".

Piscine comunali Camalich e Neri, gestione alla Buonconvento fino al 31 luglio 2021

Cgil e Usb: "Deve essere una fondazione pubblica a gestire lo sport natatorio e non solo"

Secondo Cgil e Usb la soluzione migliore sarebbe quella di una gestione dello sport natatorio e non solo da parte di una fondazione pubblica, sotto l'egida dell'amministrazione comunale. "Auspichiamo dunque - hanno concluso - che i lavori sull'impianto di Bastia siano terminati nel più breve tempo possibile, per poter garantire i servizi necessari ai cittadini della città di Livorno. Confidiamo inoltre che l'importante azione dell'amministrazione comunale e del sindaco continui fino alla soluzione di affidamento a un gestore unico di tutti gli impianti comunali. Continueremo con testardaggine a stimolare questa soluzione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piscine, reintegrato il personale ex Officina dello Sport. Cgil e Usb: "Ora la battaglia per il tempo indeterminato"

LivornoToday è in caricamento