Cessione Livorno, anche l'ex presidente del Frosinone Navarra nella nuova società: "Rileverò una percentuale importante"

L'ex numero uno del club laziale pronto ad unirsi al gruppo di imprenditori del nord Italia finanziato da Banca Cerea: "Progetto ambizioso, speriamo di tornare in B con un programma triennale"

+++SPECIALE CESSIONE LIVORNO: TUTTE LE TAPPE DELLA TRATTATIVA+++

Si è conclusa l'era Spinelli. L'ormai ex patron amaranto ha infatti ceduto il club al gruppo di imprenditori del nord Italia finanziato da Banca Cerea, con la fumata bianca dell'affare che è arrivata nella giornata di giovedì 3 agosto. I movimenti attorno alla società non finiranno però qui: entro la prossima settimana una percentuale delle quote, probabilmente il 30%, verrà infatti rilevata da Rosettano Navarra, presidente del Frosinone dal 2000 al 2003 e titolare della Navarra Spa, azienda che si occupa dello smaltimento di rifiuti. Dopo una trattativa portata avanti separatamente a quella che ha visto coinvolta la cordata del nord Italia, Navarra, come da lui stesso confermato a LivornoToday, entrerà ufficialmente a far parte della nuova società. 

Spinelli: "Abbiamo chiuso con il Livorno, non faremo parte della nuova società"

Buonasera Navarra, ci può confermare che anche lei farà parte del nuovo Livorno?
"Ho dato la mia disponibilità ad unirmi a questo progetto. Per esigenze aziendali, però, abbiamo bisogno di otto giorni in più per arrivare alla firma".

La trattativa è stata quindi portata avanti insieme a Banca Cerea oppure in modo autonomo?
"Da parte nostra abbiamo portato avanti una trattativa separata e personale con il presidente Spinelli. Poi è capitata questa opportunità e abbiamo dato il nostro benestare, ma ancora non conosciamo gli altri imprenditori che hanno già rilevato le quote". 

Il presidente di Banca Cerea: "Chi non vuole restare nel Livorno verrà ceduto"

Con che percentuale entrerà in società?
"Di questo preferisco parlare dopo la definizione dell'affare, sarò ben felice di illustrare tutti i dettagli in futuro. Posso comunque dire che sarà una percentuale importante".

Cosa l'ha spinta a investire nel Livorno?
"Ho alle spalle un passato con dodici anni nel calcio professionistico e volevo rientrare in questo mondo. Mi sarebbe piaciuto farlo in B, ma Livorno è una piazza che da sola vale una categoria in più".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che progetti ci sono attorno alla squadra?
"La speranza è quella di riportare la squadra in serie B con un programma ambizioso. Al momento non è possibile pensare diversamente con tutte le difficoltà che ci sono"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Piazza Attias | Carabinieri e Municipale aggrediti da una cinquantina di ragazzini con calci, bastoni e pietre

  • Tragedia in viale Boccaccio, volontario della Misericordia di Montenero muore a 73 anni dopo un incidente

  • Caos Livorno, tre croci e una testa di maiale sul campo dello stadio: "Pagherete tutto". Indagano i carabinieri

  • Piombino, violenta e deruba una 70enne sulla spiaggia: arrestato 35enne

  • Coronavirus, impennata di nuovi positivi: 176 tra Livorno e provincia, 1145 in Toscana. Il bollettino di giovedì 22 ottobre

  • Coronavirus, non rispettano l'isolamento fiduciario e passeggiano per strada: denunciati padre e figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento