Fattori e Museo della Città, ingresso gratuito domenica 5 luglio: le regole di accesso

All'interno delle strutture sarà necessario rispettare i protocolli di sicurezza da Coronavirus

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LivornoToday

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato da parte del Comune riguardante gli ingressi gratuiti al museo Fattori e Museo della Città per domenica 5 luglio. 

Domenica 5 luglio niente biglietto al Museo "Giovanni Fattori" di Villa Mimbelli e al Museo della Città – sezione di arte contemporanea. Le visite dovranno essere effettuate nel rispetto della norme per la prevenzione del Covid-19, per cui i visitatori dovranno indossare mascherine, mantenere la distanza interpersonale prevista, entrare in orari prestabiliti con  flussi di accesso ed uscita dalle strutture regolamentati dal personale di accoglienza e vigilanza;seguire insomma tutta una serie di regole per effettuare la visita ai percorsi espositivi in sicurezza. 

Il Fattori sarà aperto al pubblico dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Sarà consentito l’ingresso a un massimo di 30 visitatori per turno La visita avrà una durata di un'ora e trenta minuti. La sezione di arte contemporanea del Museo della Città sarà aperta al pubblico dalle 10 alle 19. L'accesso avverrà ogni ora a partire dalle 10. Sarà consentito l’ingresso a un massimo di 15 visitatori per turno. La visita avrà una durata di un'ora.   

Le regole di accesso: 

  • indossare la propria mascherina protettiva che copra naso e bocca (obbligatoria sopra a 6 anni di età); 
  • sanificare le mani con il gel disinfettante; 
  • indossare guanti monouso e calzare soprascarpe monouso, che saranno a disposizione all'ingresso.

La visita dovrà seguire il percorso indicato dal personale di accoglienza e vigilanza, il quale potrà inoltre intervenire, nell'ambito della sicurezza sociale, per far rispettare la distanza tra i visitatori di almeno 1,80 metri. Durante la visita sarà vietato toccare le opere, gli arredi ed i tendaggi. 

Torna su
LivornoToday è in caricamento