menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scenari di Quartiere, il teatro arriva nelle piazze della città: il programma degli eventi

La quinta edizione della manifestazione vedrà tra i protagonisti Michele Santeramo, Luigi D'Elia, Mario Perrotta e Laura Curino

Sarà un'edizione diversa dal solito di Scenari di Quartiere, quella che andrà in scenda dal 18 al 26 settembre. Un'edizione che dovrà modificare uno dei suoi tratti identificativi, ovvero l'intimità e la vicinanza - anche fisica - tra gli spettatori e con gli artisti. "Negli anni scorsi ci siamo letteralmente stretti nei salotti della gente che ci aveva aperto le proprie case - ha raccontato il direttore artistico della rassegna, Marco Leone - e la storia narrata ci aveva fatto sentire parte di una comunità. Portare in scena quest'anno Scenari di Quartiere non è cosa facile perché è in progetto nato sulla relazione. Non abbiamo voluto cedere alla paura e allora abbiamo deciso di provare lo stesso a dare vita a questa manifestazione, osservando insieme al pubblico come cambierà".

Scenari di Quartiere, Salvetti: "Un'idea vincente che andava riproposta"

Sarà una quinta edizione diversa, quindi, ma che porterà ugualmente il teatro di narrazione nelle piazze, nelle strade e nelle case delle persone, e che cercherà di entrare in contatto con le periferie e le zone fragili della città. "L'ambizione di Scenari è quella di diventare un appuntamento fisso e ben radicato nel tessuto cittadino - ha detto ancora Leone -, non è un festival, lo chiamerei piuttosto un percorso".

Un percorso iniziato cinque anni fa che la nuova amministrazione ha deciso di sostenere. "Quella di Scenari di quartiere è un'idea vincente che avremmo sicuramente proposto - ha dichiarato il sindaco Luca Salvetti -, ma siamo stati fortunati perché c'era già". Un'idea che mette al centro dell'attenzione le periferie sottolineando l'importanza di qualificare tutta la città non solo le zone centrali.

"Puntare sul teatro di narrazione è stata una scelta vincente - ha fatto eco l'assessore alla cultura Simone Lenzi - perché incarna il genius loci della città, siamo una città di storie da raccontare".

Gli eventi: quattro piazze con grandi nomi del teatro italiano

Nel fitto programma di eventi, tanti nomi della scena contemporanea. Da Francesco Niccolini, ormai livornese d'adozione, che firma con Luigi D'Elia "Moby Dick. Il racconto", spettacolo d'apertura messo in scena venerdì 18 in collaborazione con il Festival Con-Fusione a Michele Santeramo che porterà domenica 20 al "campino" di Colline il suo storico "Un po' di calcio e qualcosa dell'amore". Venerdì 25 Mario Perrotta, gradito ritorno a Scenari di Quartiere, racconterà l'emigrazione italiana ne "La Turnàta" e sabato 26 settembre Laura Curino racconterà la straordinaria storia vera di Camillo Olivetti.

Tra i due weekend, una programmazione più intima nelle terrazze e nei giardini dei livornesi che, nei vari quartieri da Antignano a Shanghai, ospiteranno; "Il ritratto della salute" di Chiara Stoppa e "L'occhio di vetro che vedeva lontano" di Marco Conte (21 settembre), "Attimi di Champions" di Lamberto Giannini, "Pisa 68, un maggio lungo un anno" di Marco Azzurrini (22 settembre), "I racconti dei saggi Samurai" di Francesco Cortoni con Alessia Cespuglio, "Facce di Libeccio" di Caludio Monteleone (23 settembre), "Il principe felice" di Ventriglia e Garbuggino e "Scrupolomanzia" di Fabrizio Brandi e Elisabetta Salvatori (24 settembre).

Il 18, 20, 25 e 26 settembre la guida Fabrizio Ottone organizzerà tour gratuiti sulla storia dei quartieri

Come prenotare gli spettacoli

Tutti gli spettacoli avranno inizio alle 19 e saranno a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria sul sito www.scenaridiquartiere.it a partire dalle 17 di martedì 15 settembre. Informazioni al numero 0586.204219

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festival di Sanremo, Ibrahimovic in ritardo alla terza serata: "Bloccato in autostrada, accompagnato da un motociclista diretto a Livorno". Video

Attualità

Ultimo concerto, il grido disperato dei Live Club sul palco del Festival di Sanremo: "Senza di noi le città sono più brutte e vuote"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento