menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto concesse da La Riuso)

(foto concesse da La Riuso)

Brigata dei germogli, il doposcuola dell'associazione Mezclar 22 si sposta alla casa del popolo Heval

I locali di via Mentana 13, messi a disposizione da Potere al Popolo, ospiteranno i ragazzi e le ragazze delle elementari e delle medie il lunedì e il mercoledì dalle 16 alle 19. PaP: "Istruzione per costruire un tessuto sociale solido e solidale"

La Brigata dei germogli, uno dei progetti dell'associazione Mezclar 22, da lunedì 8 marzo ha spostato il servizio di doposcuola dalla propria sede presso La Riuso, dove si è svolto gli ultimi due anni, trovando spazio nella Casa del Popolo Heval di via Mentana 13, messa a disposizione da Potere al Popolo. Finanziato con l'otto per mille della Chiesa Valdese e totalmente gratuito previo tesseramento con l'associazione Mezclar 22 (costo annuale, 5 euro), prevede due giorni di lezione, lunedì e mercoledì, e due fasce orarie: 16-17.30 per chi frequenta le elementari e 17.30-19 per chi va alle medie. Cinque gli insegnanti tra cui un mediatore linguistico-culturale e una neuropsicologa. 

Potere al Popolo: "Fondamentale l'investimento educativo sui giovani"

"È un primo passo per iniziare a conoscere meglio e direttamente il territorio e i bisogni dei suoi abitanti - affermano da Potere al Popolo -. Riteniamo importante metterci a disposizione di varie realtà e associazioni delle quali condividiamo finalità e obiettivi, per ampliare come in questo caso, l'investimento educativo sui giovani, perché rappresenta uno degli strumenti maggiormente incisivi per la costruzione di un tessuto comunitario più solido e solidale e un futuro migliore per tutti noi. In particolare - continuano da PaP -, consideriamo la diversità culturale dei ragazzi, delle ragazze e delle loro famiglie una ricchezza da conoscere e valorizzare, al fine di trasformare quelli che vengono generalmente considerati problemi in risorse".

Mezclar 22, dal doposcuola con i bambini al sostegno alle famiglie

riuso giulia e veru lezione

Giunto al terzo anno, il doposcuola di Mezclar 22 è molto conosciuto in zona Garibaldi, così come il continuo dialogo sociale intessuto nel quartiere: "Ad oggi sono circa venti i bambini e le bambine che seguiamo - dice Giulia Tubino, coordinatrice del progetto Brigata dei germogli e vicepresidente di Mezclar 22 -. Molti sono nati in Italia da genitori stranieri e spesso le famiglie hanno difficoltà a seguirli nei compiti. Alcuni hanno bisogni educativi speciali e negli anni abbiamo sviluppato le competenze e l'esperienza per poterli aiutare. Inoltre siamo in contatto con alcune maestre così da focalizzarci sugli aspetti più carenti riscontrati a scuola".

Il lavoro di Mezclar 22 non si limita tuttavia al recupero scolastico. "Supportiamo le famiglie sia a livello sociale sia pratico - prosegue Giulia - ad esempio per quello che riguarda le comunicazioni e la burocrazia legata alla scuola e non solo, aiutandole a superare la barriera linguistica. Stando vicino alle famiglie rafforziamo il percorso dei ragazzi e delle ragazze, creando una comunità che si basa sull'aiuto reciproco e la solidarietà interculturale".

La Riuso-Mezclar 22, una storia di sicurezza multiculturale

In effetti la storia de La Riuso e dell'associazione Mezclar 22 ha del sorprendente. La Riuso, di via della Pina d'Oro 22, nasce nel 2017 da un bando del progetto Sicurezza in Garibaldi, promosso da Confesercenti Livorno col contributo della Regione e convenzionato dal Comune. L'intenzione era quella di rivitalizzare il quartiere attraverso negozi temporanei, che rimanevano aperti per alcuni mesi.

riuso del bubba-2

E a spiegare le diverse idee su come si costruisca la sicurezza è Filippo del Bubba, ideatore del progetto La Riuso, che ha pensato a un luogo d'incontro e di servizio: "L'idea iniziale è stata quella di un negozio che creasse un'economia circolare con vestiti a offerta libera. Questo ha permesso innanzitutto a persone in difficoltà di avere abiti adeguati spendendo quel che potevano, inoltre ha innescato una dinamica di cittadinanza attiva e molti ci hanno sostenuto portando indumenti, libri, giochi per bambini. Si è creato quindi uno spazio in cui gli abitanti di questo quartiere multietnico hanno iniziato a incontrarsi e scambiarsi idee, un luogo in cui non esiste discriminazione. Garibaldi - conclude Del Bubba - è un quartiere ricco di energie e opportunità, noi cerchiamo di farle sbocciare".

Da quel dialogo sociale nel quartiere è fiorita Mezclar 22. "L'associazione è nata dall'ascolto dei bisogni delle madri - racconta Veruska Barbini, presidente di Mezclar 22 - e attraverso la loro fiducia siamo entrate in contatto con molte famiglie, conoscendone la situazione e pensando insieme a loro a come poter essere utili fattivamente nel quartiere".

riuso giovane e anziana

Mezclar 22 dal 2018 ha iniziato quindi a organizzare attività ludiche per bambini e culturali-artistiche per adulti in piazza Garibaldi, e parallelamente ha portato avanti progetti come la Brigata dei germogli e Riconoscersi solidali, anch'esso finanziato con l'otto per mille della Chiesa Valdese, in cui è stata affidata a tre richiedenti asilo l'assistenza di alcuni anziani della zona, che coadiuvano nelle varie commissioni, dalla spesa ai medicinali. Con Riconoscersi solidali si sono perseguiti due obiettivi, lavoro e avvicinamento sociale: "Il primo problema che volevamo affrontare come associazione - continua Veruska - era proprio la distanza tra gli anziani italiani e i giovani stranieri, mondi diversi che non si sarebbero mai incontrati. L'inclusione lavorativa costruita attraverso la fiducia reciproca ha creato un tessuto sociale che dialoga e si riconosce nonostante le diversità".

Dialogo interculturale, ascolto ai bisogni delle persone e del quartiere, aiuto per le pratiche burocratiche e doposcuola per bambini, economia circolare, cittadinanza attiva, una web tv (Doropina VT), un laboratorio di sartoria e vestiti a offerta libera. Sembrano troppe tutte queste attività per un negozio pop up che doveva durare poche settimane e da cui invece, da quattro anni, spuntano germogli che migliorano uno dei quartieri più problematici e ricchi di opportunità di Livorno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Maltempo, tromba marina davanti alla Terrazza Mascagni: le foto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
LivornoToday è in caricamento