rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca

Fi-Pi-Li, terza corsia e pedaggio per mezzi pesanti entro il 2024: come cambia la superstrada

Le innovazioni grazie alla nascita di Toscana Strade che gestirà l'intera tratta. Giani: "Un cambiamento epocale"

Si chiamerà Toscana Strade e sarà la nuova società che gestirà la Fi-Pi-Li, attualmente in mano alla Città metropolitana di Firenze tramite il Global Service di Avr. Per la superstrada è il cambio di passo atteso; una società completamente dedicata con un assetto di gestione che comprenderà anche la manutenzione ordinaria, straordinaria e le  opere di adeguamento. Un sistema nuovo, più snello,  autosufficiente  in grado di garantire più sicurezza  e qualità ad una strada che ha non solo esigenze di manutenzione sempre crescenti, ma anche la necessità di opere strutturali. In sostanza un assetto più efficace.

"Ora possiamo portare in Consiglio regionale la nuova legge e la base per il nuovo statuto - ha detto il presidente Giani -.Ipotizziamo anche il pedaggio per i tir, ma anche entrate da finanziamenti della Regione, perché nello Statuto metteremo che la Toscana può con un contratto di servizio corrispondere alla società in house risorse annualmente. Ma penso anche a  finanziamenti nazionali, perché non dimentichiamoci che il 2022 è stato il primo anno in cui lo Stato per manutenzione di strade regionali corrisponde ancora una piccola quota alle Regioni, in modo da mettere insieme un cervello di professionalità e competenze".

toscana strdae

"Toscana Strade - continua il governatore - non si dovrà solo preoccupare di manutenere bene la strada , ma anche di programmare nuovi investimenti, nuove progettazioni per progressivamente rendere più sicura la Fi-Pi-Li, garantendo le corsie di sicurezza. Questo è l'obiettivo che ci poniamo senza dimenticare la terza corsia come ad esempio al tratto che va dall'incrocio con l'autostrada da Firenze-Scandicci fino a Lastra a Signa, dove verrà il nuovo ponte". 

La società si costituirà quest'anno ed entro il 2024  è prevista l'introduzione del pedaggiamento che riguarderà esclusivamente i mezzi pesanti. Anche in questo caso il sistema sarà innovativo. Niente caselli ma un sistema Free-Flow per il controllo degli accessi con 5 portali localizzati lungo la superstrada. Con il pedaggio la nuova società in house della Regione potrebbe incassare circa 14 milioni di euro l'anno. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fi-Pi-Li, terza corsia e pedaggio per mezzi pesanti entro il 2024: come cambia la superstrada

LivornoToday è in caricamento