rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Cronaca Magenta-Origine / Via Pietro Paoli

Gestione del parco di via Paoli, il dispiacere di Tennis Amaranto: "Lasciamo un posto dove abbiamo dato anima e cuore”

Lunedì prossimo verranno riconsegnate le chiavi in attesa dell'esito dell'avviso pubblico del Comune che scadrà il prossimo 3 giugno. L'associazione di Giovanni Mugnai si occupava di quest'area dal 2017

"Dispiace perché lunedì prossimo riconsegneremo le chiavi del parco e perché, dopo aver fatto un importante lavoro di pulizia, decoro e manutenzione, dando un nuovo volto a questo spazio sia a livello sociale che di aggregazione, l'area rimarrà incustodita fino a quando non ci sarà l'esito dell'avviso pubblicato dal Comune". A parlare è Giovanni Mugnai, presidente dell'associazione Tennis Amaranto, realtà molto apprezzata dalle famiglie che dal 2017 organizza attività all'interno del parco di via Paoli - dove ci sono un campo da tennis e uno da calcetto, una pista di pattinaggio e un'area giochi per bambini - e che tra qualche giorno lascerà questo spazio incastonato tra via Micali e via Gramsci in attesa che si definisca l'iter della procedura. 

Calcetto, tennis e pista di pattinaggio: il Comune cerca un'associazione per rilanciare l'area sportiva di via Paoli 

In questi anni il Tennis Amaranto ha svolto varie attività in via Paoli, da quella nei campi di calcio e di tennis fino ai centri estivi per i bambini, apprezzati dalle tante famiglie soprattutto del quartiere. Poi l'assenza di una proroga dopo la scadenza degli accordi precedenti e la necessità di formalizzare la gestione della struttura hanno portato alla pubblicazione dell'avviso in questi giorni. "Ci siamo impegnati a fondo investendo tempo e risorse anche e soprattutto per il quartiere - aggiunge -, consentendo a questo posto di poterne diventare un vero e proprio punto di riferimento. Quando abbiamo iniziato a venire qua c'erano sporcizia e cattive frequentazioni, poi pian piano il tutto ha cambiato volto. Naturalmente - spiega - la gara va fatta ed è giusto così, speravamo soltanto di poter ottenere una considerazione diversa per quanto realizzato in questo periodo".

Un lavoro di taglio delle piante, di ripristino del cancello, di decoro, di pulizia e di aggregazione che ora il Tennis Amaranto, con dispiacere, sarà costretto al momento ad abbandonare. "Se parteciperemo all'avviso non lo so - spiega Mugnai -, decideremo nei prossimi giorni valutando ogni aspetto legato anche gli investimenti da concretizzare". Nell'avviso infatti si parla di una gestione dai 5 ai 9 anni e di alcuni lavori da realizzare che partiranno da una quota stimata di 35mila euro più Iva "ma che sono certo - aggiunge il presidente del Tennis Amaranto - si rivelerà maggiore". Nel frattempo lunedì prossimo le chiavi saranno riconsegnate, l'avviso pubblico scadrà a inizio giugno. Le attività estive in precedenza organizzate dal Tennis Amaranto intanto sono state spostate nelle strutture di via Bengasi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestione del parco di via Paoli, il dispiacere di Tennis Amaranto: "Lasciamo un posto dove abbiamo dato anima e cuore”

LivornoToday è in caricamento