Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Ardenza-LaRosa

La Rosa, corsie ciclabili a filo dei parcheggi: è scontro in Consiglio. "Attentato all’incolumità dei cittadini"

L'assessore Giovanna Cepparello: "Modificheremo quegli 8 metri dietro alla ex Circoscrizione". Ma le opposizioni insorgono: "Chiediamo la rimozione della responsabile politica di questo scempio"

A poco più di una settimana dall'approvazione in consiglio comunale del Pums, il Piano urbano della mobilità sostenibile, si riaccende la discussione sulla nascita delle corsie ciclabili in varie zone della città, uno dei primi interventi previsti per agevolare l'uso delle due ruote e per aumentare la sicurezza sulle strade, insieme agli attraversamenti pedonali di viale Italia. Nei giorni scorsi, infatti, le prime corsie per le due ruote sono apparse alla Rosa, sia in via dell'Ardenza che in alcune delle strade interne del quartiere. Un intervento che non ha fatto mancare polemiche, come accaduto proprio nell'ultimo consiglio comunale di giovedì 20 maggio. Nel mirino quelle di via Machiavelli, disegnate appena dietro i parcheggi per le auto.

ciclabili La Rosa-2 

Viabilità, sette chilometri di corsie ciclabili e quattro case avanzate per le bici: ecco dove saranno realizzate

Movimento 5 Stelle: "Non sono accettabili quelle realizzate in modo irresponsabile"

È stato il consigliere M5s, Luca Vecce, in apertura di Consiglio, a definirle "un attentato ai cittadini". Su questo si è espresso chiaramente il gruppo consiliare pentastellato, che in una nota ha evidenziato come non siano "assolutamente accettabili quelle che sono state realizzate in modo irresponsabile: a filo dei parcheggi auto, addirittura a filo di parcheggi a pettine". "È semplicemente e tristemente un attentato all'incolumità dei cittadini - aggiungono -, perciò un atto gravissimo. Senza tanti giri di parole, poiché la questione è inconfutabile, abbiamo chiesto l'immediata rimozione di queste corsie laddove pericolose per i cittadini e la rimozione della responsabile politica di questo scempio, di colei che ha annunciato in pompa magna tali corsie come panacea di tutti i mali della ciclabilità cittadina. Non è questo - ha evidenziato il gruppo consiliare M5s - il modo di sembrare 'coraggiosi' sul tema della mobilità sostenibile".

corsie ciclabili ardenza via dei pensieri via macchiavelli 2-2

Cepparello: "Rispettano ampiamente la normativa, ma quel tratto verrà leggermente modificato"  

Sull'argomento ha prontamente replicato l'assessore alla Mobilità, Giovanna Cepparello, che ha spiegato come "quegli 8 metri dietro la ex Circoscrizione 5 sono già stati revisionati e verranno leggermente modificati, così come la traiettoria di una curva in un'altra zona. Segno che - ha aggiunto - i lavori ogni giorno vengono seguiti e revisionati". L'assessore ha spiegato in apertura di Consiglio che queste corsie "non sono riservate, ma dedicate alle bici", aggiungendo che  "l'automobilista è portato a stare alla sinistra e a rispettare il ciclista, ma se vengono sormontate, in particolare dove la carreggiata è stretta, non è un problema perché la legge lo prevede".

Cepparello ha evidenziato la convenienza economica rispetto alle piste ciclabili e la rapidità di esecuzione, puntualizzando inoltre che "rispettano esattamente la normativa e in alcuni casi hanno anche risolto un problema annoso perché dove c'è la carreggiata ampia inducono a diminuire la velocità degli automobilisti. Non dobbiamo - ha concluso - fare terrorismo psicologico su queste cose".

Pums, via libera al Piano della mobilità sostenibile: primi cantieri per attraversamenti pedonali e corsie ciclabili

Romiti (FdI): "Pericolose per come sono state fatte". Barale (BL): "Un azzardo, servono precise scelte di natura tecnica"

"A Livorno - ha sottolineato Andrea Romiti, capogruppo di Fratelli d'Italia - non abbiamo ancora piena conoscenza di come devono essere utilizzate. Serve gradualità e sarebbe stato opportuno iniziare a farle in zone più residenziali e non ad alta percorribilità". Costanza Vaccaro (Lega) ha precisato che "non siamo contro le ciclabili, purché non tolgano parcheggi e vengano fatte con buon senso. Livorno ha bisogno di sicurezza". "Riteniamo - ha aggiunto Valentina Barale (Buongiorno Livorno) - che quanto fatto di fronte alla circoscrizione sia un azzardo, servono delle scelte di natura tecnica precise per capire dove può nascere una corsia e dove no. Occorre buon senso". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Rosa, corsie ciclabili a filo dei parcheggi: è scontro in Consiglio. "Attentato all’incolumità dei cittadini"

LivornoToday è in caricamento