Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Vaccino Coronavirus, il piano della Toscana: dal 14 febbraio dosi AstraZeneca per i soggetti tra 18 e 55 anni

Dal giorno dopo San Valentino invece prenderà il via la nuova fase dedicata agli ottantenni ai quali saranno somministrati Pfizer-BioNTech e Moderna

A partire dal 14 febbraio inizia in Toscana la seconda fase di somministrazione dei vaccini, "la più importante della regione" ha sottolineato il presidente Eugenio Giani. Dal giorno di San Valentino infatti il siero AstraZeneca coinvolgerà le categorie prioritarie con soggetti tra i 18 e i 55 anni (lavoratori dei servizi essenziali, personale scolastico e universitario docente e non docente; forze armate, polizia di stato, guardia di finanza, capitaneria di porto, vigili del fuoco, polizia municipale; polizia penitenziaria, personale carcerario, detenuti; personale addetto ai luoghi di comunità). Per questi soggetti la prenotazione  sarà disponibile sul portale regionale dove è possibile scegliere data, ora e luogo per la vaccinazione in uno dei 49 punti vaccinali, attivati in tutta la Toscana. 

Il 15 febbraio invece la campagna sarà dedicata agli ultra ottantenni, ai quali saranno somministrati i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna. Per questi ultimi, la prenotazione e la somministrazione saranno a cura dei medici di medicina generale, che seguiranno direttamente i propri assistiti.

Piano vaccini Toscani-2

Piano vaccini Toscana, Giani: "Emergenza non finita, continuiamo a seguire le regole"

Il governatore sottolinea l'importanza di questo nuovo piano: "Siamo davanti a un impegno straordinario da parte di tutti i soggetti e le categorie professionali del nostro intero sistema sanitario. L'emergenza sanitaria non è ancora superata, ma se ciascuno di noi farà la sua parte, con senso di responsabilità e attenzione verso l'altro, possiamo farcela". 

"In Toscana la campagna vaccinale anti Covid sta procedendo a pieno ritmo e con ottimi risultati, grazie a un'organizzazione imponente, molto efficace, costantemente monitorata e perfezionata in corso d'opera, sulla base delle necessità del momento - aggiunge l'assessore alla Sanità, Simone Bezzini -. L'intero sistema sanitario è impegnato 24 ore su 24 senza risparmiarsi e può contare su un lavoro di squadra a più livelli, dove ciascuno dà il massimo". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino Coronavirus, il piano della Toscana: dal 14 febbraio dosi AstraZeneca per i soggetti tra 18 e 55 anni

LivornoToday è in caricamento