Assegno di cura per anziani: chi ne ha diritto

Il servizio si rivolge ai cittadini non autosufficienti che abbiano almeno 65 anni

L'assegno di cura per anziani è un contributo economico erogato a titolo di sostegno alle responsabilità di cura della famiglia e finalizzato a prevenire e contenere l'istituzionalizzazione della persona anziana non autosufficiente al fine di garantirne la permanenza nel proprio ambiente di vita all'interno del nucleo familiare di appartenenza.

Assegno di cura, cosa offre

Il servizio offre un contributo mensile, graduato in relazione alla situazione di gravità socio sanitaria dell'anziano (isogravità), valutata dalla competente Unità di Valutazione Multidimensionale (U.V.M.) che si riunisce appositamente per la valutazione del bisogno, variabile da un minimo di 50€ ad un massimo di 200€ al mese.

Assistenza domiciliare, tutte le informazioni utili del comune di Livorno

Assegno di cura, a chi si rivolge

Il servizio si rivolge ai cittadini a partire dal compimento del 65° anno di età che si trovano in una situazione di non autosufficienza, per i quali la competente (U.V.M.) abbia predisposto apposito Progetto Assistenziale Personalizzato (P.A.P.) e che abbiano una certificazione ISEE calcolata ai sensi del nuovo DPCM 159/2013 non superiore ai 7.500,00 € come indicato nella Tabella n. 1 allegata e parte integrante della Delibera CdS Integrata n. 7 del 20/5/2016.

Assegno di cura, come si accede al servizio

Il diretto interessato, i componenti della famiglia anche non conviventi che si fanno carico dell'anziano, il tutore o curatore e comunque qualsiasi soggetto che con l'anziano abbia rapporti di cura (caregiver), possono rivolgersi al Punto Unico di Accesso (PUNTO INSIEME) per acquisire informazioni e richiedere la valutazione del bisogno di cura dell'anziano.

Gli operatori del Punto Insieme valutano la complessità del bisogno. Nel caso di bisogno complesso viene attivato il percorso assistenziale aprendo apposita cartella personale, acquisendo e trasmettendo all'U.V.M. la documentazione necessaria per la predisposizione di un  Progetto Assistenziale Personalizzato (P.A.P.) secondo le modalità di valutazione multidimensionale previste dalla Regione Toscana.

Il  P.A.P.  viene sottoscritto o dall'anziano o dal suo dal care-giver, con l'impegno affinchè il  progetto venga realizzato pienamente ed ha valenza massima annuale. Il rinnovo del progetto è subordinato ad una nuova valutazione da parte dell'U.V.M. Qualora le risorse non consentano una attivazione immediata gli utenti saranno collocati in lista di attesa in base al punteggio di isogravità, data di nascita e data di predisposizione del PAP. Insieme al PAP andrà sottoscritta anche l'accettazione della compartecipazione al costo del servizio calcolata sulla base dell'ISEE di prestazione dell'utente in corso di validità.

Assegno di cura, tempi di erogazione

Nella costanza dell'assegnazione da parte della Regione Toscana del fondo per la non autosufficienza finalizzato alla copertura finanziaria per l'erogazione degli assegni di cura in favore degli anziani non autosufficienti, il contributo viene erogato ogni tre mesi e di norma ad aprile (trimestre gennaio/marzo), a luglio (trimestre aprile/giugno), ad ottobre (trimestre luglio/settembre) e a gennaio (trimestre ottobre/dicembre dell'anno precedente).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qualora le risorse assegnate non consentano la copertura di tutti i progetti assistenziali, verrà data la priorità ai contributi per assistente familiare (badante regolarmente assunta) e successivamente, sulla base dell' isogravità   sopra indicata, ai contributi per assistenza da parte dei familiari.  

Informazioni e contatti

  • Ufficio responsabile: Ufficio Servizi di sostegno per la ridotta autonomia e la non autosufficienza, Via Mondolfi, 173 - 57128 Livorno
  • Orario uffici: lunedì e venerdì mattina dalle 9.00 alle 13.00, martedì e giovedì pomeriggio dalle 15.30 alle 17.30
  • Riferimenti telefonici: Mario Conflitto 0586/824119 
  • E-mail: mconflitto@comune.livorno.it 

Orari di apertura al pubblico del Punto Insieme

  • Via Fiera S. Antonino, 3 , 3° piano:  email:distrettonord@comune.livorno.it,  giovedì: 9.00 – 10.30
  • Poliambulatorio Viale Alfieri blocco 24, 1°piano: email distrettocentro@comune.livorno.it, mercoledì: 10.30 – 12.00
  • Via del Mare, 82, 1°piano: email distrettosud@comune.livorno.it, lunedì: 11.00 – 12.30

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, il voto in Toscana: preferenze a candidati e liste

  • Rosignano, tromba d'aria scoperchia case e devasta il Circolo Canottieri: diversi feriti. Video

  • Scuola, vietato ammalarsi: il protocollo Covid "imprigiona" le famiglie. Le mamme: "Servono test più rapidi e meno invasivi"

  • Elezioni Toscana, la composizione del nuovo Consiglio regionale: al Pd 22 seggi, 9 alla Lega

  • Allerta meteo arancione, scuole chiuse a Livorno venerdì 25 settembre: previsti temporali, vento e mareggiate

  • Terremoto Livorno, cda dimissionario: i soci isolano Navarra, il futuro è un'incognita. E il presente una vergogna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento