rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Cronaca

Decreto 'taglia palamiti', la pesca ricreativa si ribella: "Non è limitando gli ami che si eliminano illegalità e abusivismo: ecco cosa serve"

Consorzio Nautico di Livorno, FIPSAS e ARCI pesca provinciali contrarie alle nuove disposizioni del Masaf: "Un'ingiustizia, il ministro Lollobrigida ascolti le nostre proposte"

A poco più di un mese dall'entrata in vigore del decreto con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, non si placano le proteste di circoli nautici e pescatori amatoriali riguardo alle limitazioni imposte dal Masaf sulla pesca con il palamito. Il 'taglio' degli strumenti consentiti a bordo, con 50 ami per palangaro e un solo attrezzo in barca indipendentemente dal numero dell'equipaggio così come disposto nelle decreto, è infatti stato contestato da più parti, con il timore che le nuove misure cancellino una tradizione con conseguenti danni economici e sociali. Di più: il dubbio è che non servano a raggiungere l'obiettivo dichiarato dal ministro Lollobrigida, ovvero eliminare l'illegalità e l'abusivismo, gestire e conservare le risorse ittiche e impedire il superamento dei 5 kg di pescato a persone nonché la cattura di pesci sotto misura.

Ad avanzare le proprie rimostranze sono il Consorzio Nautico di Livorno, la FIPSAS e l'ARCI pesca provinciali: "Non c'è niente di più inesatto negli obiettivi del decreto - dicono -, si tratta di una beffa e un'ingiustizia per i pescatori ricreativi che pescano con attrezzi con un basso impatto ambientale e davvero sostenibili, come affermano i lavori pubblicati dai biologi della pesca.  Con questo decreto il ministro ottiene solo due cose: l'inasprimento della conflittualità tra pesca ricreativa e pesca professionale e l'impedimento a decine di migliaia di pescatori ricreativi di continuare a praticare un metodo di pesca che ha una storia è una cultura ultracentenaria". "L'illegalità e l'abusivismo - continuano - non si combattono riducendo gli ami ad uno strumento poco impattante per le biodiversità e molto selettivo, bensì attraverso un cospicuo aumento dei controlli, sia in mare che a terra, delle pene pecuniarie e penali, di sistemi di riconoscimento delle imbarcazioni, nonché geolocalizzazioni che offrirebbero un supporto e un aiuto alle forze preposte alla sorveglianza in mare. Perché, caro Ministro, i bracconieri sanno già di compiere un atto illegale e abusivo, quindi che gli ami siano 50, 200 o 1000 a loro poco importa".

Pesca con il palamito, le proposte di Consorzio nautico, Fipsas e Arci pesca

Poi l'accusa per non aver "coinvolto i professionisti, i ricreativi, le associazioni professionistiche e dilettantistiche, ma soprattutto un coro allargato del mondo scientifico che lavora attraverso monitoraggi prolungati. In questo modo - aggiungono - avrebbe sicuramente ottenuto proposte più serie ed efficaci. In tal senso, tenendo conto della grande esperienza che il settore della pesca ricreativa detiene e delle conoscenze acquisite, elaborate e già pubblicate, ci permettiamo di porre alla sua attenzione i nostri suggerimenti: portare a 100 ami a pescatore e non più di 200 a imbarcazione indipendentemente dal numero di pescatori; introdurre il riferimento della taglia minima, adottando ami di dimensioni maggiori o ami circolari, al fine di impedire la cattura di pesci sotto misura e all'occorrenza evitare la pesca accidentale di specie protette come certe volte accade con le tartarughe marine, mammiferi marini e squali; impedire la vendita illegale che comunque è già prevista per legge, obbligamondo il pescatore ricreativo a praticare al pescato il taglio del lobo inferiore della pinna caudale come accade in altri paesi europei mediterranei".

"Il Consorzio Nautico di Livorno, la FIPSAS e l'ARCI pesca provinciali - concludono - si augurano che il ministro dell'Agricoltura, Sovranità Alimentare e Foreste, onorevole Francesco Lollobrigida, abbia la sensibilità e la volontà di accogliere un'istanza che proviene da decine di migliaia di cittadini che praticano questo antico sistema di pesca".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decreto 'taglia palamiti', la pesca ricreativa si ribella: "Non è limitando gli ami che si eliminano illegalità e abusivismo: ecco cosa serve"

LivornoToday è in caricamento