Cronaca

Mancate corse al Caprilli, l'Associazione nazionale galoppo: "Inaccettabile accusare fantini e categorie"

Intervento del consiglio direttivo dopo le vicende che hanno portato al mancato svolgimento delle corse all'ippodromo previste per il giorno 15 agosto

"I fantini e le categorie tutte si vedono accusati di mettere i bastoni tra le ruote e addirittura aver cambiato versione. Troviamo tutto questo inaccettabile e figlio di una ricostruzione non corrispondente alla realtà dei fatti". Così, tramite una nota inviata nella giornata di lunedì 16 agosto, interviene il consiglio direttivo dell'Associazione nazionale galoppo, in merito alla giornata di corse previste per domenica 15 agosto al Caprilli e al suo mancato svolgimento. Una questione che venerdì scorso era stata affrontata in una conferenza stampa tenuta all'interno dell'impianto di viale Italia dal sindaco Luca Salvetti

Ippodromo Caprilli, taglio del nastro per la riapertura. Il sindaco: "Restituito alla città un luogo storico"

"L'azione di Ang è a scopo consultivo, non ha potere di veto sull'idoneità di una pista"

"Va premesso - spiegano - che Ang è stata interpellata solo all’ultimo momento per eseguire un sopralluogo della pista e delle strutture del Caprilli. Non ha dunque avuto modo di seguire l’iter dei lavori di messa in ripristino dell’impianto labronico. Inoltre, Ang non ha ad oggi poteri di veto sull’idoneità di una pista ma è stata chiamata, a Livorno e in altre occasioni, solo a scopo consultivo. Detto questo, tale prima ispezione effettuata in data 4 agosto non aveva fornito esito positivo, si evidenziavano problemi sia per quanto concerneva la pista, sia nelle strutture indispensabili a un corretto svolgimento di una riunione di corse".

"Risulta quindi non corrispondente al vero - proseguono - l’affermazione uscita in conferenza stampa che Ang avesse ritenuta idonea la pista già dal primo sopralluogo, prova ne sia che le categorie hanno accettato la richiesta delle Istituzioni di effettuare un ulteriore sopralluogo nella giornata di lunedì 9 agosto scorso per verificare lo stato dell’impianto, a seguito di ulteriori lavori di sistemazione".

Ippodromo Caprilli, Livorno torna nel calendario delle corse: assegnata dal Mipaaf la giornata del 15 agosto

"Se la pista fosse già stata ritenuta conforme da Ang dopo il primo sopralluogo, che bisogno ci sarebbe stato di effettuarne un altro? A seguito del suddetto secondo sopralluogo e pur rilevando gli sforzi fatti, i fantini non ritenevano che la pista potesse sopportare il carico di una intera giornata di corse, cosa anche evidenziata chiaramente dal signor Sulas, uno dei fantini presenti all’ispezione del 9 agosto, in una intervista sul canale tv ippico. Dunque, risulta ancora una volta non veritiero sostenere che i fantini avrebbero dato parere favorevole dopo il sopralluogo. È vero invece che i fantini – pur non ritenendo praticabile svolgere un intero convegno – per puro spirito di passione per il nostro sport e per andare incontro alla comprensibile 'voglia di ippica' degli appassionati livornesi si dichiaravano disponibili ad effettuare un’unica prova nella giornata del 15, una sorta di corsa promozionale".

Ippodromo Caprilli, saltano le corse di Ferragosto: "Impianto pronto ma non ci sono partenti"

Ang: "Siamo pronti a fornire esperienza e buona volontà"

"A fronte di questa innegabile disponibilità - hanno quindi precisato -, i fantini e le categorie tutte si vedono però accusati di mettere i bastoni tra le ruote e addirittura di aver cambiato versione. Troviamo tutto questo inaccettabile e figlio di una ricostruzione non corrispondente alla realtà dei fatti. Come detto, tutte le associazioni ippiche tifano per una riapertura del Caprilli, un impianto che rappresenta non soltanto una opportunità per il galoppo toscano, ma che riveste anche una funzione simbolica di ripresa ippica. Ogni riapertura, però, deve rispettare tutta una serie di regole per garantire la sicurezza dei fantini e dei cavalli che partecipano alle corse. Questo aspetto non può essere in alcun modo derogato e Ang ha sempre messo la sicurezza al primo posto anche di fronte alla perdita di una giornata di corse, che, ricordiamolo, rappresenta la principale fonte di entrate per gli operatori".

Ippodromo, gli animalisti diffidano il Comune: "Il sindaco annulli le corse, pronti a denunciare l'amministrazione"

"Che Ang abbia operato per la massima tutela del comparto lo dimostra la dichiarazione dei partenti, dove tutti gli ippici dando prova di grande maturità hanno scelto di seguire le nostre indicazioni. Il Ministero dovrebbe dunque essere grato ad Ang per il suo fattivo contributo al benessere di cavalli e fantini. Attendiamo pertanto che i futuri lavori al Caprilli, ad esempio la seminatura di cui si è parlato nella conferenza stampa, consentano di aprire l’impianto e di presentarlo ai livornesi e agli ippici nella maniera consona. Ang - concludono - è pronta a fornire al Comune di Livorno e alle persone preposte tutto il suo contributo di esperienza e buona volontà, nella massima trasparenza, come sempre accaduto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancate corse al Caprilli, l'Associazione nazionale galoppo: "Inaccettabile accusare fantini e categorie"

LivornoToday è in caricamento