Il Senso del Ridicolo, al via la quarta edizione con la lectio magistralis di Massimo Recalcati

Presenti all'inaugurazione il sindaco Luca Salvetti e il presidente della Fondazione Livorno, Riccardo Vitti. Stefano Bartezzaghi: "La satira non ha limiti ma deve avere dei confini"

"Piazza del Luogo Pio nei prossimi giorni sarà l'ombelico del mondo, perché questo festival è diventato in pochissimo tempo un brand in grado di raccontare la nostra città nel modo migliore". È il sindaco Luca Salvetti a tagliare idealmente il nastro dando il via alla quarta edizione de "Il senso del ridicolo", manifestazione dedicata all'umorismo, la satira e la comicità, ideata e diretta con genialità e maestria da Stefano Bartezzaghi e organizzata da Fondazione Livorno, ente che opera sul territorio con lo scopo di promuovere eventi e portare Livorno all'attenzione nazionale. "E poi questa è un'anticipazione di un altro grande evento che vedrà Livorno e questa piazza ancora una volta protagonista, la mostra dedicata ad Amedeo Modigliani che verrà inaugurata il prossimo 7 novembre al Museo della Città - ha continuato il sindaco -. È da questa piazza che ci ospita, e che ospita il museo, che dobbiamo iniziare a riappropriarci della nostra identità e dei nostri tratti somatici, con eventi di respiro internazionale".

il senso del ridicolo giorno uno (5)-2

Il direttore artistico, Stefano Bartezzaghi: "La satira non ha limiti ma deve avere dei confini"

Durante i tre giorni di eventi, da venerdì 27 fino a domenica 29 settembre,  sono attesi tantissimi visitatori: gli spettacoli a pagamento sono praticamente tutti sold out, e da qui passeranno attori, autori, giornalisti, radiostar e comici che si interrogheranno, attraverso reading e spettacoli, sul significato del riso e dell'umorismo, sulla sua funzione e sui suoi effetti.

"Il senso del ridicolo sta diventando ormai una tradizone, e di questo non possiamo che essere fieri - è intervenuto il direttore artistico della manifestazione Stefano Bartezzaghi -. Se Livorno, però, è a tutti gli effetti una delle capitali dell'umorismo non è grazie al festival, ma è grazie al suo spirito caustico e pungente che rende di fatto possibile ospitare una manifestazione di questo genere. Qui si parla di umorismo, ma anche di satira e comicità. Ecco, a proposito della satira è bene che questa sia libera, senza limiti, ma con dei confini". E il primo ospite a fare i conti con questo spirito è stato lo psicoanalista Massimo Recalcati, a cui è stata affidata la lectio magistralis di apertura e che ha parlato al numeroso pubblico ponendo la domanda "Il desiderio ci prende in giro?", partendo proprio dall'esperienza di psicoanalista e dagli episodi tragicomici che avvengono all'interno del suo studio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marina di Castagneto, maxi rissa in discoteca: "Delinquenti fuori controllo, aggredite anche le ragazze"

  • Salvini contro il Vernacoliere, Mario Cardinali: "Stiamo andando verso il cattofascismo"

  • I mercatini di Natale a Livorno e provincia: il calendario degli appuntamenti per il 2019

  • Chiude l'Oviesse alle Fonti del Corallo. Il sindacato: "Lavoratrici ricollocate in altri punti vendita"

  • Christian King, è livornese il protagonista di "Volare" di Michele Santoro

  • Sardine livornesi a Firenze: "Meglio un pisano in casa che Salvini all'uscio". Foto

Torna su
LivornoToday è in caricamento