Livorno: Mazzarani pronto a tornare, ma la fideiussione tarda ancora

Attese per giovedì le firme sulle coobbligazioni da parte dei soci. Il rischio è che anche contro la Pergolettese Dal Canto debba far giocare i suoi senza i rinforzi promessi

foto Ansa

Dopo la brillante vittoria contro Il Renate, l'attenzione in casa Livorno è tornata alle questioni societarie. La priorità, come ormai da inizio ottobre a questa parte, è la fideiussione da presentare in Lega per poter sbloccare l'acquisto di calciatori svincolati. In un primo momento, la garanzia bancaria era ferma, così come sostenuto dai protagonisti in causa, per la guerra interna tra l'ex presidente Navarra e i soci di Banca Cerea. Ora che l'imprenditore di Ferentino si è fatto da parte lasciando il timone a Giorgio Heller, la strada dovrebbe essere in discesa. La fideiussione, tuttavia, tarda ancora ad arrivare e, a questo punto, non è neppure detto che si riesca a presentarla entro il fine settimana in tempo per la partita di domenica 1 novembre tra il Livorno e la Pergolettese. 

Se da una parte la richiesta di fido è stata assolta con la firma del vicepresidente Aimo, delegato a tal proposito già la scorsa settimana, a mancare sono le coobbligazioni di alcuni soci come controgaranzia al documento da presentare in Lega. Una questione che dovrebbe essere risolta entro giovedì, quando Rosario Carrano, in rappresentanza del nuovo gruppo di maggioranza del Livorno, dovrà dare il proprio consenso all'operazione così come Aldo Spinelli per il quale, tuttavia, sarà necessario che un funzionario di BancaCerea si rechi personalmente a Genova. Successivamente la società dovrà prima inviare una Pec alla federazione poi recarsi con tutta la documentazione nella sede della Lega a Firenze. Passaggi che dovranno essere fatti nel più breve tempo possibile non solo per poter tesserare giocatori come Mazzarani (pronto a tornare dopo essere rientrato a Catania dieci giorni fa), Stancampiano, Bussaglia e Gemignani, in tempo per la prossima giornata di campionato, ma soprattutto per dimostrare la concretezza di una società che fino ad oggi non si è rilevata incosistente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rosignano Solvay, esplosione in una palazzina: grave una donna

  • Tragedia a Piombino, muore a 48 anni davanti alla compagna mentre fa trekking

  • Parco del Mulino, conti in rosso e rischio chiusura. L'appello: "Prenotate una pizza da noi per tenere in vita il progetto"

  • Coronavirus: 108 positivi e 10 morti tra Livorno e provincia, 1.351 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di giovedì 26 novembre

  • Caos Livorno, Sicrea sul gruppo Carrano: "Non ha ancora pagato le nostre quote, restano 48 ore"

  • Coronavirus, meno contagi con più tamponi: 57 positivi tra Livorno e provincia, 962 in Toscana. Il bollettino di martedì 24 novembre

Torna su
LivornoToday è in caricamento